Loading...

Imprese in vetrina

Studio Fenice, restauro doc per le vetrate trecentesche in Santa Croce

Studio Fenice, restauro doc per le vetrate trecentesche in Santa Croce

Ancora un prestigioso riconoscimento internazionale per il lavoro dello Studio Fenice, il laboratorio di via Sant’Isaia specializzato nel restauro di vetrate antiche ed artistiche. Il Corpus Vitrearum, l’associazione internazionale che da più di sessant’anni raggruppa i più grandi esperti impegnati nello studio e nella conservazione delle vetrate medievali europee, ha scelto come restauro italiano da presentare nell'ambito della rinomata rivista on line Vidimus “the only on-line magazine devoted to medieval stained glass” il restauro delle due vetrate trecentesche attribuite al Maestro di Figline, situate ai lati della Cappella Maggiore nella Basilica di Santa Croce a Firenze e di proprietà del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell'Interno.

Un lavoro portato a termine dalla bottega artigiana bolognese guidata dai restauratori Americo Corallini e Valeria Bertuzzi nel 2011 e commissionata dall’Opera di Santa Croce.

“È stato un intervento molto complesso e che ha dovuto affrontare diverse problematiche particolari – spiega Americo Corallini - sia per la presenza di ridipinture ottocentesche, rimosse solo in parte seguendo un protocollo d'intervento che abbiamo messo a punto in accordo con la direzione tecnico-scientifica della Soprintendenza per i Beni Artistici, sia per la presenza di danni causati da atti vandalici che erano stati compiuti quando ancora le opere d'arte non risultavano protette da vetrate esterne. Inoltre, per impedire infiltrazioni d'acqua piovana sui sottostanti affreschi anche di Giotto, si è resa necessaria la razionalizzazione delle strutture portanti e la posa in opera di nuove contro vetrate, cosiddette isotermiche”.

L'occasione del restauro delle vetrate del Maestro di Figline ha permesso anche interessanti scoperte sui materiali.

“Ad esempio è stato trovato un vetro originale di colore verde, risalente al primo ventennio del XIV secolo, formato da sei strati sovrapposti di diversi colori, cioè strati azzurri e gialli alternati – continua Corallini ".

Il Corpus Vitrearum ha avuto una lunga storia e ha esteso la propria attività culturale e di ricerca in quattordici nazioni europee, oltre al Canada e agli Stati Uniti d'America. L'articolo, a firma della dottoressa Renee K. Burnam, membro del Corpus Vitrearum Medii Aevi statunitense e italiano, è stato pubblicato sul numero 99 della rivista del Corpus Vitrearum ingles.

Nome: Studio Fenice
Attività: Laboratorio di restauro vetrate antiche ed artistiche
Indirizzo: via Sant’Isaia 30/c, 40124 Bologna
Telefono: 051 390473
Internet: www.studiofenicevetrate.com/index.php